lunedì 29 febbraio 2016

Le ricette del Lunedì: Torta alle pere con cacao e farina di farro

La mia più grande passione dopo i libri è sicuramente la cucina!
Mettermi ai fornelli è una delle mie attività preferite, soprattutto quando si tratta di preparare dolci.
Pur essendo una golosona di prim'ordine cerco sempre di combinare il gusto con ricette salutari, evito gli ingredienti più dannosi e cui prediligo quelli più sani e biologici.
 
 
Un esempio è la ricetta di questo dolce che non solo è molto buono, ma essendo fatto con farina di farro e crusca è ricco di fibre. Io l'ho sperimentato già un paio di volte, visto che contenendo stevia invece dello zucchero normale, va benissimo anche per chi, come il mio papà, ha il diabete (ovviamente senza esagerare).
Infine è facilissimo e velocissimo. Assolutamente da provare!!

sabato 27 febbraio 2016

Le mie passioni: DIY

Una delle cose che adoro da sempre è il mondo del fai da te!
Mi piace sperimentare cose nuove e sentirmi soddisfatta per aver creato qualcosa con le mie mani! Nel tempo ho provato di tutto: dai bijoux alle creme fatte in casa, e non sempre con risultati brillanti.
Il lato positivo è che in ogni caso ho appreso tantissime cose nuove sulle materie più disparate e mi sono messa alla prova, imparando anche a conoscere le cose in cui riesco bene e quelle in cui fatico.
Data l'esperienza pluriennale posso affermare con sicurezza che ho scarse abilità manuali e che proprio questo genere di DIY è quello che mi piace di più!
Sono un caso patologico, lo so!
 

venerdì 26 febbraio 2016

Recensione: "Terapia di coppia per amanti" di Diego De Silva

READING CHALLENGE
N° 5 - Un libro scritto da uno scrittore mai letto

Ebbene sì, lo ammetto. Non avevo mai letto un libro di De Silva. Faccio penitenza e mi cospargo il capo di cenere. È stata una mancanza enorme, ma dopo "Terapia di coppia per amanti", giuro che rimedierò!
 
Terapia di coppia per amanti è un romanzo a due voci, maschile e femminile, che si alternano a raccontare la loro storia mentre la vivono. Due adulti sposati (non tra loro) che si ritrovano uniti da una passione incontrollabile e da un amore coriaceo, particolarmente resistente alle intemperie. Viviana è sexy, vitale e intrigante, e ha un notevole talento per i discorsi intorcinati. È combattuta fra restare amante e alleviare così le infelicità matrimoniali o sfasciarsi la vita per investire in un’altra. Modesto è meno chic, decisamente più sboccato e sbrigativo nella formulazione dei concetti, ma abilissimo nell’autoassoluzione. Spara battute a sproposito per svicolare, e fa pure ridere. Moderatamente vigliacco, aspirerebbe alla prosecuzione a tempo indeterminato della doppia vita piuttosto che a un secondo matrimonio, visto che già il suo non è che gli piaccia granché. È nella crucialità del dilemma che Viviana trascina Modesto dall’analista, cercando una possibilità di salvezza per il loro rapporto ormai esasperato da conflitti e lacerazioni continue. Il dottore è spiazzato nel trovarsi di fronte una coppia non ufficiale, libera da vincoli matrimoniali e familiari, che non ha nulla da perdere al di là del proprio amore.

martedì 23 febbraio 2016

Ops, I did it again

 
Direi che mai titolo di una canzone è stato più appropriato! Sì, perché l'ho fatto di nuovo e, cosa più grave, pure coscientemente!
Sono andata in libreria e sapete com'è, no? L'odore della carta, la calma, tanti bellissimi libri che ti chiamano dicendo Comprami, comprami.... ed io ho comprato.
Stavolta credo di essermi sistemata per un bel po' (forse), visto che le incursioni sono state ben due.

Da "Orgoglio e pregiudizio" di Jane Austen

Ecco un altro dei capolavori della Austen che mi si sono stampati a fuoco nel cuore; il senza tempo "Orgoglio e Pregiudizio".
Alzi la mano chi non si è mai presa una cotta per l'orgoglioso Mr. Darcy!

domenica 21 febbraio 2016

Recensione: "Nei tuoi occhi" Nicholas Sparks

È un po' che non leggevo un libro di Sparks e "Nei tuoi occhi", si è rivelato una lettura ben diversa da quella che mi aspettavo.
Colin ha deciso di rimettersi in carreggiata: a 28 anni deve lasciarsi alle spalle gli errori di ragazzo e ricominciare da capo. Maria vuole fare l’avvocato, perché quella laurea le è costata molta strada e molto sudore. L’ultima cosa a cui pensano è una relazione seria. Ma quando si incontrano, sotto la pioggia torrenziale di una notte nel North Carolina, i loro piani per il futuro vacillano. La felicità, forse, sono proprio loro due. Per conquistarla dovranno affrontare insieme i fantasmi del passato e fare del loro giovane amore l’unica protezione contro la violenza del mondo.

venerdì 19 febbraio 2016

Amo l'impressionismo!

L'impressionismo è uno tra i movimento artistici che preferisco!
Spontaneo, libero, istintivo!
 
 
Adoro il fatto che gli artisti dipingessero senza un disegno da seguire, riportando sulla tela semplicemente ciò che vedevano. È come se ogni pennellata fosse una istantanea di un dettaglio e l'intero quadro non sia altro che un collage armonioso di istanti.
 
 
Qual è il vostro movimento artistico preferito?

giovedì 18 febbraio 2016

Recensione: "Risvegli" di Oliver Sacks

READING CHALLENGE
N°  50 - Un libro scelto dopo aver visto un film
 
 
Ci ho provato, giuro che ci ho provato, ma alla fine ho dovuto arrendermi!
Sarà una recensione atipica!
Non riesco a parlarvi di questo libro senza prima parlarvi del film che mi ha spinto a leggerlo.
 

mercoledì 17 febbraio 2016

Da "Persuasione" di Jane Austen

 
Da uno dei libri della Austen che preferisco, Persuasione, la lettera del capitano Wentworth ad Anne.
Ogni volta mi lascia senza fiato!!
 
 
"Non posso più ascoltare tacendo. Devo parlarvi con i mezzi che ho a disposizione. Voi mi trafiggete l’anima. Io sono tra l’agonia e la speranza. Non ditemi che è troppo tardi, che questo prezioso sentimento è svanito per sempre. Vi offro di nuovo il mio cuore, vi appartiene ancor più di quando otto anni e mezzo fa voi quasi me lo spezzaste. Non dite per carità che l’uomo dimentica più della donna, che il suo amore è più rapido a morire. Non ho mai amato nessuna all’infuori di voi. Posso essere stato ingiusto, forse debole e offeso, ma incostante mai. Solo voi mi avete condotto a Bath. Penso e faccio progetti solo per voi. Non ve ne siete accorta? Possibile che non indoviniate i miei desideri? Non avrei atteso neanche questi dieci giorni se avessi conosciuto i vostri sentimenti. Devo andare senza conoscere il mio destino ma tornerò qui o vi seguirò non appena possibile. Una parola, uno sguardo saranno sufficienti a farmi entrare in casa di vostro padre questa sera o mai più"
 

martedì 16 febbraio 2016

Recensione: "Guida astrologica per cuori infranti" Silvia Zucca

Buon esempio di chick lit, "Guida astrologica per cuori infranti" sa unire l'ironia alla ricerca del principe azzurro, il cui nome (o meglio segno) sembra essere scritto nelle stelle.

Trent’anni passati da un po’, single (NON per scelta) e con un lavoro che offre ben poche prospettive di carriera, Alice Bassi accoglie la notizia del matrimonio del suo mai dimenticato ex come il proverbiale colpo di grazia. E, se non fosse ancora abbastanza, nella piccola rete televisiva per cui lavora arriva Davide Nardi. Fisico niente male e sorriso indecifrabile, Davide sarebbe il sogno proibito di Alice… se non fosse stato assunto come «tagliatore di teste». Insomma: non ce n’è una che vada per il verso giusto. Almeno finché Alice non incontra Tio, un giovane attore convinto di conoscere il segreto per avere successo: l’astrologia. Non quella spacciata sui giornali, ovviamente, ma una «vera» lettura delle stelle, che esistono proprio per segnalarci i giorni più propizi per la sfera professionale o per farci trovare l’anima gemella. Seppur scettica, Alice decide di provare e inizia a uscire con uomini dal segno zodiacale compatibile col suo. Ma, stranamente, l’affinità astrale non le impedisce di collezionare incontri sbagliati, delusioni terribili e sorprese ben poco entusiasmanti. Come non impedisce a Davide di diventare ogni giorno più attraente. E, a poco a poco, Alice scoprirà che forse il vero amore non è sempre scritto nelle stelle…

venerdì 12 febbraio 2016

Recensione: "Muori con me" Karen Sander

READING CHALLENGE
N°40 - Un libro che mette ansia

Questo libro mi è stato consigliato ed io, in un momento di shopping compulsivo, l'ho preso senza riflettere. Solo una volta arrivata a casa, guardando meglio la copertina, ho sentito qualche tentennamento. La verità è che non sono un'amante dei thriller e questo solo a guardarlo mi metteva un'ansia tremenda.
Ho spulciato compulsivamente le recensioni, nella vana speranza che se fossero state negative avevo una scusa d'oro per abbandonarlo e invece ho finito per essere invogliata ad iniziarlo, così mi sono fatta coraggio.
 
Cinquant'anni e una tempra forgiata dalla lunga esperienza nella Omicidi, il commissario Georg Stadler crede che ormai niente possa più sconvolgerlo. Ma quando entra in quel lussuoso appartamento nei quartieri alti di Düsseldorf, si rende subito conto che non c'è limite alle mostruosità concepite dall'animo umano: le pareti, il soffitto e il pianoforte bianco sono imbrattati di sangue; al centro, una donna orribilmente massacrata, sul cui corpo l'assassino ha lasciato una bambola, nuda. Forse un messaggio cifrato? Contro il parere dei superiori, Stadler è convinto che ci sia un serial killer in circolazione e chiede l'aiuto di Elisabeth Montario, una psicologa criminale nota per aver risolto una serie di casi in cui la polizia brancolava nel buio. Liz, trentenne dai lunghi riccioli rossi, non può fare a meno di accettare, benché sia già alle prese con un mistero da risolvere. Uno stalker sempre più aggressivo la tormenta con lettere di sfida: "Trovami. Prima che sia io a trovare te". Parole minacciose che fanno riaffiorare il ricordo di qualcuno che aveva amato, anche dopo averne scoperto la natura profondamente malvagia. Intanto gli omicidi subiscono un'escalation di brutalità e il killer riuscirà a coinvolgere Liz e Stadler in un gioco efferato, risvegliando proprio quegli incubi che la psicologa credeva sepolti per sempre...

martedì 9 febbraio 2016

Recensione: "Alice nel paese delle Meraviglie - Attraverso lo specchio"

READING CHALLENGE
N° 21 - Un libro con più di 100 anni

Chi non conosce la storia di Alice e le sue avventure nel paese delle meraviglie? Chi da piccolo, leggendo il libro o guardando una delle tante versioni cinematografiche, non avrebbe voluto festeggiare il proprio non-compleanno?
Pur conoscendo la trama, non avevo mai letto il libro di Carroll e vedendolo in biblioteca mi sono fatta tentare...
 
Il libro racconta come Alice, una bambina dalla vivace fantasia, un giorno vedendo un coniglio bianco decide di seguirlo, ritrovando così in un mondo fantastico, dove ogni logica è sovvertita.
In questo paese meraviglioso Alice incontrerà i personaggi più disparati, dal riflessivo Bruco alla nevrotica Regina sempre pronta a gridare "Tagliategli la testa".
 
Nel secondo volume "Attraverso lo specchio" Carroll invece racconta di un altro episodio, ugualmente assurdo e meraviglioso, dove Alice si ritrova nuovamente catapultata in un mondo dove tutto è capovolto che attraverserà giocando una bizzarra partita a scacchi.
Anche questa volta non mancheranno personaggi assurdi e divertenti pronti a stupire e a far sorridere.

venerdì 5 febbraio 2016

Recensione: "Ho sposato una vegana. Storia vera, purtroppo" Fausto Brizzi

READING CHALLENGE
61 - Un libro che ha fatto ridere

Dopo storie serie, profonde, traumatiche, avevo proprio bisogno di un libro leggero e divertente. Con questo ho centrato decisamente l'obiettivo.
Mi è bastato leggere il titolo per innamorarmene.
 
In "Ho sposato una vegana" Fausto Brizzi (regista di Notte prima degli esami) racconta le tragicomiche avventure della sua storia d'amore con Claudia, dal primo appuntamento fino alla notizia della nascita del loro primo figlio. È l'incontro di due mondi inconciliabili: lui onnivoro, amante della mozzarella di bufala e delle cotolette panate, lei vegana convinta e intransigente.
 

giovedì 4 febbraio 2016

Recensione: "Stardust" di Neil Gaiman

READING CHALLENGE
N° 23 - Un libro che inizia per "S"
 
"Stardust" è uno di quei libri che soggiorna nella mia libreria da anni e che non ho mai trovato il coraggio di leggere. Un'amica me ne aveva parlato benissimo, ho adorato il film, ma nonostante tutto non riuscivo proprio a decidermi ad aprirlo. Continuavo a dirmi "E se poi non mi piace?".
L'altro giorno mi sono fatta coraggio. Ecco cosa ne penso.
 
Tristan, ragazzo semplice innamorato della bella Victoria, promette alla sua amata di portarle una stella cadente come prova della forza dei suoi sentimenti. Così il ragazzo decide di attraversare il varco nel muro ad est del villaggio di Wall, che però agli abitanti è concesso oltrepassare solo una volta ogni 9 anni, in occasione del Mercato di oggetti magici.
Anche se lo ignora però Tristan non è come tutti gli altri e il suo viaggio oltre il varco nel muro nel mondo di Faerie lo porterà, non solo ad inseguire la stella e l'amore, ma anche a scoprire la verità sul suo passato.

mercoledì 3 febbraio 2016

Il primo passo è ammettere di avere un problema

Ok, lo ammetto. Ho un problema di dipendenza da acquisto compulsivo di libri.
Ma che ci posso fare, non è colpa mia! Sono loro che mi chiamano, mi tentano ed io proprio non so resistere.
Questo il racconto nudo e crudo dei fatti.
Ieri avevo un'ora di pausa e, dovendo fare una commissione per un'amica, mi sono trovata a passare davanti ad una libreria. Io ho provato a resistere e all'andata sono stata bravissima, ma al ritorno non ce l'ho fatta. È il canto di una sirena. Sottrarsi è impossibile!

Recensione: "L'ultimo sopravvissuto" di Sam Pivnik

READING CHALLENGE
N° 44 - Un libro storico
 
 
Una storia vera. Una testimonianza importante che ci aiuta a non dimenticare ciò che è successo e le vite innocenti che sono state spezzate.
 
Sam Pivnik, figlio di un sarto ebreo, nasce a Bedzin in Polonia e trascorre una vita normale fino al primo settembre del 1939 - giorno del suo tredicesimo compleanno - quando i nazisti invadono la Polonia e la guerra spazza via in un attimo ogni possibilità di futuro. Da quel momento la sua vita non sarà più la stessa. Sam conosce il ghetto, i divieti imposti dai nazisti, il coprifuoco, gli stenti, il terrore per le strade. Poi, dopo un rastrellamento, tutta la sua famiglia viene deportata al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Strappato alla sua famiglia, che trova la morte nelle camere a gas, Sam subisce terribili soprusi e atrocità, e ogni giorno, alla famigerata Rampa di arrivo dei treni dei deportati, vede compiersi sotto i suoi occhi la più inenarrabile delle tragedie. Sopravvissuto alla crudeltà delle SS e dei Kapo, ai lavori forzati nella miniera Fürstengrube e alla “marcia della morte” nel rigido inverno polacco, Sam è infine tra i prigionieri sulla nave Cap Arcona, bombardata dalla Royal Air Force perché luogo di esperimenti dei nazisti su donne e bambini da parte delle SS. Ma ancora una volta, miracolosamente, riesce a salvarsi.

lunedì 1 febbraio 2016

#1 RECAP: Le letture di Gennaio

Sembra incredibile, ma Gennaio è già finito! È volato via senza che neanche me ne accorgessi.
Primo mese dell'anno, primo mese di attività del blog pieno di soddisfazioni e soprattutto divertimento. Un piccolo recap sembra doveroso.
Tirando le somme direi che questo 2016 è iniziato bene, con tante nuove esperienze e tante nuove e piacevoli letture (ma anche alcune che avrei evitato volentieri).